Tesla, una supercar elettrica

Perché La Batteria giusta parla sempre di batterie dalle prestazioni eccezionali, come le Optima Batteries e le altre batterie AGM?

Perché il futuro immediato è senza ombra di dubbio sempre più “elettrico”.
Batterie sempre più potenti, consentono non sono di svolgere le normali attività di avviamento e di servizio.
Ora la tecnologia consente di realizzare motori elettrici dalle performance inimmaginabili.

Tesla definisce i propri propulsori come le motorizzazioni del XXI secolo.

www.teslamotors.com

L’avanzata motorizzazione elettrica Tesla regala prestazioni straordinarie. A differenza dei motori a combustione interna, con le loro centinaia di parti in movimento che emettono scintille, pompano e rombano, il motore Tesla ha un unico elemento che si muove: il rotore. Il risultato? L’accelerazione della Model S è immediata, come quando si preme un interruttore. Premi sull’acceleratore. In 5,6 secondi la Model S raggiunge i 100 km all’ora, senza esitazioni e senza una sola goccia di benzina.

Oltre a tutte le apprezzabili e stupefacenti scelte tecnologiche di cui la Tesla è costellata, il cuore di tutto è la ricerca tecnologica avanzata nel campo delle batterie.

Tesla Motors ha attivato da temo un programma di ricerca per potenziare le performance delle batterie installate sulle auto elettriche: i risultati in termini di autonomia e di prestazioni delle batterie divento ogni giorno più stupefacenti.

Chi ha provato la Tesla S sostiene che essa stia alle altre automobili — elettriche e convenzionali — esattamente come l’iPhone stava a tutti gli altri telefoni all’epoca in cui Steve Jobs rivoluzionò il mondo della telefonia.

Non bisogna farsi ingannare dal design che, seppur affascinante, è tutto sommato convenzionale — la Tesla S assomiglia a una Jaguar. Un design di questo genere è fatto apposta per non sconcertare ulteriormente l’acquirente: questa auto elettrica, realizzata e costruita da ingegneri informatici e non meccanici, è veramente qualcosa di differente rispetto alle automobili cui siamo abituati.

È la prima auto elettrica che coniuga nello stesso tempo un’immagine “green” compatibile con le problematiche ambientali, prestazioni mozzafiato degne di una supercar e un’autonomia da automobile vera, non da city-car.

Il modello più potente accelera da zero a cento in 4,4 secondi, raggiunge i 210 km/h di velocità ma soprattutto lo fa nello spazio di otto/novecento metri.

Con un “pieno” di corrente dichiara un’autonomia teorica di 500 chilometri, che nell’uso reale scendono a poco meno di 400, ma più che sufficienti per qualsiasi impiego.
Una ricarica di corrente con la spina di casa costa dai 12 ai 24 euro a seconda delle tariffe del proprio fornitore di energia elettrica.

Dopo il boom negli Stati Uniti, la Tesla S sta conoscendo un successo clamoroso anche in Europa. Piace agli appassionati per le prestazioni eccezionali; piace ai meno esperti per quell’immagine eco-compatibile che non guasta mai. Uno dei primi clienti che l’ha comprata è Vasco Rossi. In tantissimi restano incantati dal sofisticato sistema di infotainment, il cui cuore è uno schermo gigante da 17” (come 2 due iPad affiancati) incastrato nella plancia, tramite cui si può fare tutto: gestire ogni aspetto dell’auto ma anche navigare e mandare email perché si è perennemente connessi al web.

Ma com’è possibile che una macchina costruita da chi non ha mai fatto automobili prima sia in grado di mettere alle corde industrie del mondo auto con cent’anni di esperienza alle spalle? Quella della Tesla è una piccola grande rivoluzione tutta da raccontare. Un marchio che è nato appena dieci anni fa, nel 2003, sotto l’impulso di un visionario: Elon Musk, un ragazzo-prodigio di origini sudafricane laureato in fisica ed economia che oggi in Usa è considerato l’Henry Ford del XXI secolo.

Il nome Tesla — dato che si parla di elettricità — è stato scelto in omaggio al geniale inventore serbo di fine ‘800 che aveva scoperto i principi della corrente alternata, Nikola Tesla.
Quando è stata fondata, la Tesla ha subito radunato in California non ingegneri di provenienza automobilistica, ma informatici reclutati presso le aziende della Silicon Valley. Musk sapeva che per sviluppare un’automobile elettrica di nuova generazione servivano competenze diverse. E si è circondato delle migliori menti della Silicon Valley che hanno messo a punto i veri punti di forza delle Tesla attuale: uno di questi, forse il più importante, sono le batterie, appunto.

Come molte auto elettriche convenzionali, la Tesla usa accumulatori ricaricabili agli ioni di litio, simili a quelli dei normali telefonini. Nelle batterie della Tesla le singole celle sono collegate tra loro in un modo differente che diminuisce la dispersione di energia e massimizza l’efficienza delle batterie. C’è maggiore densità di energia nelle batterie Tesla; inoltre il software di gestione è all’avanguardia. Il risultato è che le batterie della Tesla regalano alla macchina un’autonomia formidabile e prestazioni molto sportive.

I motori elettrici sono come degli interruttori: on-off, acceso o spento: danno la potenza di colpo. Grazie alle batterie all’avanguardia e al software, la Tesla riesce a far confluire in modo pressoché istantaneo una quantità di energia enorme al motore elettrico. Ecco perché la Tesla S, nella versione più performante, la 85+ (è un valore espresso in kilowattora che è l’unità di misura dell’energia) eroga ben 421 cavalli di colpo e ha una coppia di 600 newtonmetri con una curva assolutamente piatta. Da zero (!) a 5300 giri sempre costante.

Dimensione e dislocazione delle batterie sono un altro dei segreti della Tesla e ne spiegano l’eccezionale maneggevolezza. Rispetto ad altre auto elettriche, dove al telaio convenzionale viene aggiunta una batteria, la Tesla invece è costruita attorno a questa: praticamente l’auto è formata da un pianale che è un’unica, enorme batteria che va dalle ruote anteriori alle posteriori, sopra la quale è stata costruita l’automobile. Questa è la chiave per comprendere le sue prestazioni. La batteria è sotto al pianale ed è lunga quasi tre metri, come l’interasse. È formata da oltre 7000 celle (prodotte da Panasonic) e pesa quasi 800 chilogrammi. Immaginate, su 2100 kg di peso complessivo, che quasi la metà della massa si venga a trovare a pochi centimetri da terra, all’altezza dei mozzi ruota.

Un baricentro così basso e una distribuzione dei pesi così equilibrata, 50/50, sono il segreto della sua incredibile maneggevolezza. A costruire automobili alla Tesla l’hanno insegnato gli inglesi della Lotus, presso le cui catene di montaggio in Inghilterra, Tesla ha sviluppato nel 2007 la sua prima vera automobile completa: la Roadster, basata su carrozzeria e meccanica della Elise. Ne furono costruiti 2500 esemplari, tutti venduti a centomila dollari l’uno. Da lì Tesla ha capito che poteva diventare un costruttore vero con serie ambizioni. Musk a quel punto ha rilevato una fabbrica Toyota a Fremont, in California e ha dato vita al progetto di una macchina per un pubblico più vasto: la Tesla S. Per tracciarne le forme, ha assunto uno stilista dalla Mazda, Franz von Holzhausen, che ha disegnato una berlina due volumi dalle forme eleganti ma convenzionali.

[la recensione della Telsa Modello S è tratta da: http://www.auto.it/2014/04/14/tesla-model-s/20754/

Una scelta precisa, quella di Tesla, evidentemente per “tranquillizzare” il proprio cliente cui già deve far accettare la tecnologia rivoluzionaria sotto il cofano. Una strada opposta per esempio a quella seguita dalla BMW per la elettrica i3.

Le batterie della Tesla sono assolutamente rivoluzionarie.

Ma anche da noi troverai batterie che sono assolutamente innovative e dalle performance stupefacenti rispetto alle batterie tradizionali.

Visita il nostro shop: www.crsautoricambi.it

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>